martedì 27 dicembre 2011

Una fiducia rinnovata

Il nostro pellegrinaggio inizia nel cortile dell'Oratorio dell'Abbazia. Aspettiamo che tutti siano pronti, don Roberto come al solito è in ritardo, ma non è il solo (vero Paolo?), ma forse è perché fino all'ultimo hanno rischiato di non venire a causa di un inizio di influenza. Anche Chiara è "in infermeria" e compare come se dovesse scalare un 4.000!!! Fortunatamente tra noi c'è un dottore, Filippo, e la sua infermiera Eleonora. Silvia è carica come una molla e Gianmarco inizia a sfoggiare il suo tedesco sicilianizzato.
Finalmente si parte! Accompagnati dal nostro amico Roberto partiamo per Varese. Nel piazzale della stazione incontriamo il mitico Jojin e don Franco (per gli amici Gemmolo). Arrivano anche Mauro e Elena e così il "gruppo dei 10" è al completo. Altri giovani stanno aspettando il pullman partito da Rho: due gruppi di Varese e il gruppo Scout di Luino.
Dopo un breve appello, la partenza passando dalla Svizzera. Documenti a portata di mano, ma soprattutto tanta pazienza. I "cugini" non ci fanno perdere tanto tempo e così la strada inizia a correre veloce. Iniziamo a fare conoscenza dei nostri compagni di viaggio, mentre ci domandiamo: "quand'è la prima sosta?". In particolare ritroviamo Patrizio, sì proprio lui, quello dei cartoni animati!
Cerchiamo di riposare. Al nostro arrivo sapremo dove saremo ospitati. Tutti speriamo di essere in famiglia e nella stessa comunità. Sappiamo tuttavia che siamo attesi e questo già ci riempie di stupore e di fiducia. Buona strada allora e buonanotte!

1 commento:

  1. Buongiorno a tutti!
    Provo a raggiungervi con la mail perchè penso che i vostri cellulari possano riceverla. Speravo proprio di trovare sul FarOratorio il racconto del vostro viaggio!
    Che bello vedervi alla partenza con don Franco! Spero che siate davvero tutti alloggiati vicino ma soprattutto che i malati siano in via di guarigione... compreso don Roberto!
    Vi ricordo con affetto in questi giorni. Un abbraccio!
    Elisa
    p.s. ...ma chi è Patrizio?

    RispondiElimina